iscriviti alla newsletter scrivi a Francesco Sanna
Marcia indietro PDL sul taglio dei parlamentari e il PD se ne va
L'articolo pubblicato su Il Fatto Quotidiano del 22 ottobre 2011

Il PDL torna indietro  sul taglio di deputati e il PD se ne va.

Ha lasciato il suo incarico da relatore della legge che doveva finalmente ridurre il numero dei parlamentari. Ieri, il senatore Pd Enzo Bianco, ha deciso di non prestarsi  all'ennesimo giochetto della maggioranza.

In Commissione Affari Costituzionasli dovevano votare gli emendamenti e far procedere spedito l'iter del disegno di legge su cui tutti i partiti avevano trovato convergenza:dalla prossima legislatura i deputati scendono a 450 e i senatori a 250.

Invece i capigruppo del PDL a palazzo Madama, Gasparri e Quagliariello, si sono presentati in aula dicendo che c'è urgenza di approvare il loro disegno di legge, una riforma costituzionale che modifica ben 26 articoli della nostra Carta e che quindi il taglio dei parlamentari va inserito lì.
Missione praticamente impossibile, sia considerando i tempi stretti della legislatura sia perchè è difficile che maggioranza e opposizione trovino un accordo su tutti quei punti.

" E' un meccanismo gattopardesco- dice il Pd Francesco Sanna- Significa ricominciare tutto daccapo. Al 90° minuto hanno deciso di lanciare la palla fuori e di giocare un altro torneo".

Il Fatto quotidiano, 22.10.2011