iscriviti alla newsletter scrivi a Francesco Sanna
La soddisfazione di Francesco Sanna che richiama le istituzioni al dovere di realizzare la riforma entro gennaio 2013

Nonostante siamo riusciti ad approvare i tre ddl con un iter velocissimo nella prima data utile - spiega Sanna - dobbiamo fare una vera corsa contro il tempo. Se tutto va bene, l'aula del Senato li approverà al più presto e Montecitorio potrà dire sì alle norme entro gennaio, prima cioè dello scioglimento delle Camere. In caso contrario, tutto si azzererebbe e il lavoro dovrebbe ricominciare con la nuova legislatura, un'ipotesi molto negativa, soprattutto per il Friuli che andrà al voto nel 2013 e che non avrebbe approvato in tempo il nuovo Statuto che, come nel caso di Sardegna e Sicilia, dispone la riduzione di circa un quarto degli attuali consiglieri

Francesco Sanna annuncia l'iniziativa del pd per correggere l'errore del provvedimento governativo

Ritengo molto positivo che nel decreto legge "Crescita" – in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale - il Governo Monti abbia resuscitato le Zone Franche Urbane, una misura sperimentale di fiscalità di vantaggio a favore delle piccole imprese che nei suoi ultimi rantoli il governo Berlusconi era riuscito ad affossare. Il finanziamento delle esenzioni totali dalle tasse e dalle imposte verrà finanziato con i fondi comunitari che le Regioni potranno riprogrammare e così evitare di perdere per incapacità di spesa.

I senatori democratici hanno presentato il Disegno di Legge a Palazzo Madama

Dopo poche ore dalla comunicazione ufficiale della Commissione Europea con la quale si autorizza l’Italia a prorogare il regime della cosiddetta super-interrompibilità elettrica, i senatori democratici della Sardegna Francesco Sanna, Antonello Cabras e Gianpiero Scanu, e il capogruppo Pd in Commissione Attività Produttive, Filippo Bubbico, hanno presentato a Palazzo Madama un disegno di legge che allunga l’efficacia del sistema attuale sino al 2015.

La puntata del 30 settembre 2012 della trasmissione di inchiesta condotta da Milena Gabanelli
Domenica 30 settembre, alle 21,30, su Rai3 è ripartita REPORT la trasmissione di inchiesta di Milena Gabanelli. In questa puntata tra le altre alcune dichiarazioni di Francesco Sanna, a Bernardo Iovene, sul tema: "Quanti sono, e chi sono, i parlamentari con un rinvio a giudizio, o condanna di primo grado, o condanna definitiva per reati contro la pubblica amministrazione? Ora dovranno approvare una legge che decida la loro sorte". Clicca sul link sotto e guarda i contenuti della puntata.
L'articolo a firma di Lorenzo Piras, con le dichiarazioni di Francesco Sanna, su L'Unione Sarda di sabato 29 settembre 2012

La strada per tagliare da 80 a 60 i consiglieri regionali sardi è tracciata. I tempi tecnici dovrebbero permettere di approvare il disegno di legge entro la legislatura, sempre che alla Camera si ripeta quel che è già accaduto al Senato il 18 aprile, cioè il via libera. E lunedì a Montecitorio la riduzione degli onorevoli di via Roma è al secondo punto all'ordine del giorno

Francesco Sanna richiama tutti alla concretezza per la soluzione della vertenza della fabbrica di alluminio

La vertenza ALCOA è già complicata di suo, e le nuoce ogni provocazione inutile ed ogni reazione sproporzionata. Questo è il tempo dei nervi saldi e del massimo di professionalità nel gestire la tensione sociale. Chi può faccia gesti simbolici di pace, chi deve acceleri la soluzione concreta della vicenda, cioè la ripresa produttiva con altro imprenditore dello stabilimento.

La sollecitazione di Francesco Sanna per una riforma che può ridare autorevolezza alle istituzioni

C'è il rischio concreto - poiché le modifiche agli statuti speciali sono apportate con leggi costituzionali che necessitano della doppia lettura – che se la Camera dei Deputati non approva subito i testi dei tre disegni di legge, non se ne faccia niente per questa legislatura. E che degli effetti di queste riforme – sulle quali si è manifestata una ampia convergenza delle forze politiche – se ne riparli, sempre che vengano riproposte nella prossima legislatura, nel 2017 per la Sicilia, nel 2018 per il Friuli e addirittura nel 2019 per la Sardegna.

Nella città Toscana si farà il punto sulla riforma in discussione in Parlamento

Venerdì 12 ottobre 2012, presso l'Aula Magna della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Pisa, in Via Roma 55, si svolgerà il convegno sul tema “Disposizioni per l’equiparazione dello status contrattuale ed economico dei laureati specializzandi medici e non medici che afferiscono alle scuole di specializzazione di  Area Sanitaria”.

L'opinione di Francesco Sanna e nel video i contenuti degli interventi durante l'audizione in Senato del sottosegretario De Vincenti. 6/9/2012

Il governo può salvare la Carbosulcis e l'Alcoa se decide di non subire passivamente la delocalizzazione della produzione industriale, di carbone e di energia. A scapito non solo della Sardegna ma del Paese intero ( guarda il VIDEO dell'audizione -  fsanna dal minuto 74 al 94)

L'articolo di Francesco Sanna pubblicato da La Nuova Sardegna, 3 settembre 2012

Se valutiamo il progetto Sulcis raffrontando gli occupati agli incentivi, oppure l'emissione di CO2 non immessa in atmosfera, o il costo dell'energia pulita prodotta, la sua realizzazione farebbe risparmiare, per la stessa quantità di energia, almeno la metà delle risorse pubbliche impegnate rispetto all'eolico e ancora di più al solare fotovoltaico. Solo che gli occupati sarebbero dieci volte di più, e le tecnologie, i centri di ricerca, le università sarebbero italiani, sardi, sulcitani. E non tedeschi o cinesi. Per me è un aspetto fondamentale della questione.

Il Ministro Passera si confronterà con i senatori della Commissione Attività produttive

L’incontro ministeriale ha avuto il merito di disseppellire le linee progettuali elaborate dalla Regione dalla misteriosa e sbagliata segretezza in cui erano avvolte dalla Regione medesima.  Poichè la Comunità nazionale – magistralmente rappresentata, ancora una volta, dall’intervento di Giorgio Napolitano - ha guardato con simpatia alla lotta per il lavoro degli operai sardi, questa solidarietà non deve essere sprecata.

La Nuova Sardegna 10 aprile 2009 pag.18, Economia, di Francesco Sanna*

Sulla crisi del Sulcis ripubblichiamo, vista la sua attualità, un articolo di Francesco Sanna apparso su La Nuova Sardegna ad aprile del 2009.

Scene di crisi globale in Sardegna, Italia. La chiusura di Eurallumina e la messa in cassa integrazione dei lavoratori è avvenuta senza che il governo rispondesse a nessuna delle domande che i parlamentari del Partito Democratico gli hanno rivolto circa le reali intenzioni dell'azionista russo Rusal di rilanciare lo stabilimento...

Francesco Sanna ha chiesto la convocazione urgente della Commissione attività produttive del Senato

La Regione sarda come azionista totalitaria di Carbosulcis negli ultimi tempi e' balzata all'onore delle cronache piu' per la lottizzazione politica degli amministratori e la gestione clientelare che per la brillantezza nell'elaborare il progetto di una importante sfida tecnologica e industriale. Al punto che il Parlamento e' stato costretto a prorogare piu' volte i termini per la gara internazionale di affidamento della concessione mineraria.

La nota stampa di Francesco Sanna, senatore democratico della Sardegna

Occorre agire incessantemente per portare ad un tavolo negoziale con la multinazionale americana nuovi imprenditori, di livello adeguato alla scommessa industriale della produzione di alluminio primario in Italia. Non vi sono altre strade, e per cortesia si astengano i fantasiosi perditempo che razzolano nelle crisi industriali giocando sulla disperazione dei lavoratori.

Francesco Sanna risponde all'intervista sul Corsera del Presidente del Trentino Alto Adige Lorenzo Dellai. 17 agosto 2012

Chi mette al centro la ricostruzione del senso dello Stato, il nuovo europeismo, l’equilibrio dei poteri tra sistema pubblico centrale e autonomie locali, contro i populismi di tutte le razze, troverà nel PD più che un interlocutore, un alleato naturale, anche oltre l’emergenza.